Black mask contro i punti neri fai da te peel-off: ricetta e consigli

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Da qualche tempo su internet, in special modo sui social, e sulle riviste di bellezza, spopola la cosiddetta “black mask”, un trattamento detergente e purificante per la pelle del viso proveniente dall’Oriente; la “maschera nera”, che si caratterizza per la colorazione molto scura, ha un eccellente effetto immediato contro i punti neri e lascia la pelle del viso pulita, luminosa e libera da ogni impurità.

Esistono diversi tipi di black mask, ciascuno dei quali prevede l’utilizzo di vari ingredienti, ma una delle più rinomate ed apprezzate è la black mask pell-off, specifica contro i punti neri (o comedoni), un inestetismo tanto diffuso quanto fastidioso non sempre facilissimo da contrastare ed eliminare.

La black mask peel-off si può acquistare nei negozi e su internet, ma chi ama i cosmetici naturali può anche prepararla in casa, in modo tale da avere la certezza di affidarsi ad un prodotto di origine sicura e privo di sostanze chimiche potenzialmente aggressive e dannose, senza contare che il costo si riduce in modo drastico e certamente gradito: di seguito vi diciamo come realizzarla e come trarne i massimi benefici.

Andiamo a scoprire come preparare la black mask fai da te, ma prima vediamo le cause dei punti neri.

Punti neri: cosa sono?

I comedoni, comunemente detti punti neri, sono costituiti da un accumulo di sebo, cheratina e microrganismi all’interno dei follicoli piliferi; quando essi si aprono, il contatto con l’aria provoca l’ossidazione del contenuto, che acquisisce la tipica colorazione scura. I punti neri possono riguardare qualsiasi tipo di pelle, ma prediligono quella grassa o mista e, in particolare, la zona a T, ovvero fronte, naso e mento, bersagli prediletti di questo antipatico inestetismo.

La base da cui partire per combattere i punti neri è una costante ed accurata pulizia, che però deve essere sempre mirata e mai aggressiva; tuttavia, per eliminarli del tutto, occorrono trattamenti ad hoc, in grado di sradicarli lasciando i pori finalmente liberi e puliti. La black mask fa-da-te contro i punti neri ha proprio questo scopo: vediamo come farla e come usarla per ottenere i migliori risultati.

Black Mask contro i punti neri fai-da-te peel-off: ingredienti e preparazione

Per realizzare a casa la vostra black mask procuratevi i seguenti ingredienti:

  • 3 pasticche di carbone vegetale (indispensabile, potete comprarlo in farmacia o in erboristeria),
  • 3 cucchiai di latte,
  • 3 fogli di colla di pesce (detta anche gelatina per i dolci).

Innanzitutto fate ammorbidire i fogli di colla di pesce in una bacinella piena di acqua, dopodiché mettetevi all’opera.

Fate bollire il latte e dapprima spezzettate il carbone grossolanamente con le mani, poi trituratelo fino a ridurlo in polvere (potete schiacciarlo, ad esempio, con l’aiuto di un cucchiaio oppure pressarlo con una pentola abbastanza pesante).

Quando il latte è pronto versatelo in una ciotola e mescolatelo con delicatezza alla colla di pesce. Cercate di ottenere un composto omogeneo ed aggiungete la polvere di carbone vegetale; mescolate ancora, lasciate uniformare e fate intiepidire finché non otterrete un preparato abbastanza denso, compatto e non troppo liquido.

Black Mask contro i punti neri fai-da-te: come applicarla sul viso?

A questo punto la vostra portentosa maschera nera fatta in casa è pronta e non dovete fare altro che applicarla nel modo corretto.

Distribuitela uniformemente sul viso aiutandovi con un pennello (fate in modo che lo strato di prodotto sia particolarmente spesso sulla zona a T, fronte, naso e mento), quindi lasciatela in posa per mezz’ora.

Se volete rendere il trattamento ancora più efficace, stendetevi e rilassatevi mentre esso agisce pulendo a fondo la vostra pelle.

Trascorsi i trenta minuti rimuovete la maschera con delicatezza partendo dal basso verso l’alto: andrà via facilmente, senza fatica (è del tipo peel-off).

Sciacquate il viso con acqua tiepida, asciugatelo tamponando con un asciugamano in morbida spugna (non strofinate) ed applicate il vostro idratante: la pelle sarà radiosa e dei punti neri non vedrete più neppure l’ombra!

Consigli utili

Desiderate che la vostra black mask fai-da-te possa esplicare al massimo grado le sue virtù?

Allora seguite questi semplici ma preziosi consigli:

1. La black mask riesce ad agire con più facilità se la pelle è già stata detersa ed i pori sono aperti; prima di applicarla, possibilmente, eseguite il classico trattamento al vapore lasciando il volto, dopo aver coperto la testa con un asciugamano, su un catino riempito di acqua bollente e qualche goccia di olio essenziale purificante e/o lenitivo (potete provare rosmarino, bardana, tea tree oil, camomilla, limone ecc., a seconda delle vostre specifiche esigenze) per almeno 10 minuti, poi applicate la maschera sul viso.

2. Il trattamento, ovviamente, non può essere quotidiano, ma andrebbe ripetuto a cadenza regolare rispettando l’intervallo di qualche giorno; 1/2 volte la settimana è la frequenza consigliata, ma regolatevi voi in base al vostro tipo di pelle e alle vostre personali esigenze.

3. La black mask, in linea di massima, è indicata per tutti i tipi di pelle, ma evitatela se la vostra e particolarmente delicata e sensibile, soggetta ad irritazioni e couperose.

4. Dopo l’applicazione della black mask sciacquate il viso con acqua tiepida per eliminare ogni traccia di eventuali residui e poi stendete la crema idratante, possibilmente adatta al vostro tipo di epidermide (se c’è la tendenza alla formazione di molti punti neri, date la preferenza a formulazioni non grasse e sulle quali è chiaramente espressa la dicitura “non comedogenica”).

5. I vegani, coloro cioè che si rifiutano tassativamente non solo di mangiare ma anche di utilizzare ad altri scopi ingredienti di origine animale, possono comunque realizzare la loro black mask fai-da-te sostituendo il latte vaccino con quello di soia e la colla di pesce (ricavata da ossa e cartilagini di manzo o di maiale) con la pectina o l’agar agar.

Share.

Leave A Reply