Consigli per dormire bene e svegliarsi di buon umore

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Dormire, e soprattutto dormire bene, è importante quanto mangiare. La salute, sia fisica che mentale, passa necessariamente, anche, attraverso un sonno che sia realmente sano e ristoratore.

In pratica, dormire ci “ricarica le batterie” e ci permette di affrontare la giornata in piena efficienza, permettendoci di dare il meglio di noi stessi in ogni settore, sia esso professionale, familiare o sociale.

Le notti in bianco dunque, non soltanto sono noiose e lunghe da far passare, ma minano seriamente il nostro benessere, impedendoci di ritemprare corpo e mente come dovremmo.

Eppure le persone che soffrono di insonnia non sono poche e le statistiche in merito sono chiare: non solo la difficoltà ad addormentarsi, ma anche quella ad abbandonarsi ad un sonno profondo ed ininterrotto, riguardano un numero considerevole di soggetti di ogni sesso ed età.

Cosa fare dunque?

Come risolvere il problema, possibilmente in maniera definitiva?

Le soluzioni possibili, fortunatamente, sono tante, da quelle più soft ad altre maggiormente incisive, adattabili all’entità del disturbo, che può essere più o meno lieve, moderato o serio: per ogni situazione, e questa è la buona notizia, c’è la risposta giusta.

A meno che l’insonnia non sia tale da richiedere un intervento medico specifico, spesso per migliorare la qualità del sonno e facilitare la fase di addormentamento, è sufficiente seguire qualche buona abitudine: ecco qualche utile suggerimento in proposito.

Regole per dormire meglio

Se è vero che il numero di ore di sonno notturno è un bisogno soggettivo (la media è di otto ore, ma si tratta di un parametro meramente indicativo), l’aspetto davvero importante della questione sta tutto nella qualità: dormire bene conta di più che dormire a lungo.

Se vuoi sconfiggere l’insonnia, migliorare il tuo sonno ed alzarti ogni mattina pronto ad affrontare la giornata con vigore e buonumore:

1. Cerca di andare a letto ed alzarti sempre all’incirca alla stessa ora, possibilmente anche nel fine settimana; il sonno si regge su un ritmo delicato, che deve essere rispettato il più possibile.

2. Sei a letto ma il sonno proprio non vuole arrivare? Inutile rigirarsi tra le lenzuola, meglio alzarsi e dedicarsi ad un’attività rilassante ed antistress, ad esempio leggere o fare un bagno caldo.

3. Sorseggiare, prima di andare a dormire, una bevanda in grado di conciliare il sonno, ovvero una tisana, una camomilla o un bicchiere di latte caldo.

4. Evitare di mangiare cibi pesanti a cena, che rallentano la digestione e disturbano il sonno; preferite alimenti freschi e leggeri e, possibilmente, evitate di mettervi a tavola troppo tardi (sarebbe opportuno aspettare, tra la cena e il momento di mettersi a letto, che siano trascorse almeno tre ore).

5. Dedicarsi ad una attività fisica, anche semplicemente una camminata a passo veloce o mezz’ora di jogging, possibilmente nel pomeriggio: si scaricano le tensioni, ci si rilassa, ci si stanca ed il sonno, in genere, arriva prima.

6. Non fumate, non bevete caffè o altre bevande eccitanti né alcol prima di andare a dormire.

7. Procuratevi un materasso comodo (oggi c’è l’imbarazzo della scelta) e regolate in maniera giusta la temperatura e l’aerazione della camera da letto; 18°C è quella consigliata.

8. Il cuscino è fondamentale: sceglietelo piuttosto basso, ergonomico e in materiale naturale e traspirante (indispensabile d’estate), ma anche adatto a vostre eventuali specifiche esigenze. Se si soffre di cervicale ad esempio, si possono scegliere modelli appositi.

Rimedi naturali contro l’insonnia

L’insonnia, soprattutto quando non è a livelli eccessivi, si può combattere efficacemente anche con validi rimedi naturali, “ricette della nonna” da preparare in un attimo, facilmente e a costo decisamente contenuto.

Esistono erbe eccezionali da questo punto di vista, capaci di rilassare corpo e mente, allontanare tensioni e stress e, di conseguenza, favorire un sonno ristoratore.

Le migliori (le trovate in erboristeria e nella grande distribuzione) sono:

Camomilla

Una buona tazza di camomilla calda, pur avendo un potere sedativo in realtà molto blando, costituisce da sempre un eccellente aiuto per ritrovare il sonno perduto, ancora di più quando esso è causato da problemi digestivi; la camomilla infatti, protegge le mucose gastriche e distende la muscolatura di tutto il corpo.

Valeriana

Il potere calmante della Valeriana è conosciuto fin dal Medioevo, quando già veniva utilizzata per calmare gli stati di ansia ed agitazione; è una delle erbe migliori contro l’insonnia e potete trovarla sia sotto forma di tisana che di compresse da deglutire con un po’ di acqua.

Melissa

Ottima contro l’ansia, lo stress, l’agitazione e per favorire il sonno.

Passiflora

Favorisce il rilassamento ed il sonno, in particolare nei bambini e negli anziani.

Consigli per dormire bene

Ecco qualche altro suggerimento anti insonnia da provare:

  • Cercate di inserire nella dieta albicocca, avena, basilico, mela, melissa, zucca, pesca, maggiorana e lattuga, cibi considerati utili per ridurre il nervosismo e favorire l’addormentamento.
  • Come suggerito, un bagno caldo prima di coricarsi può servire, ma esso si rivelerà ancora più efficace se aggiungerete all’acqua un infuso di lavanda e tiglio.
  • L’atmosfera della camera da letto è importantissima: l’ambiente deve essere accogliente e rilassante, a cominciare dalle pareti, che dovrebbero essere dipinte in colori neutri o in azzurro e verde chiaro; evitate le tinte accese e “vitaminiche”, che stimolerebbero la mente peggiorando i problemi di insonnia.
Share.

Leave A Reply