Secondi piatti al limone: ricette facili e veloci

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Il limone vanta mille virtù, a cominciare dai principi benefici di cui è ricco fino ad arrivare a quella grande versatilità che ci permette di utilizzarlo in cucina in una infinità di modi diversi. Se non sai come usare il limone in cucina, in questo articolo trovi alcune ricette di secondi piatti al limone facili e veloci da preparare.

Secondi piatti al limone: ricette facili e veloci

Preziosa ed incomparabile fonte di Vitamina C, indispensabile per le rafforzare le difese immunitarie del nostro organismo e proteggerci dai malanni, il limone si può usare indifferentemente per la preparazione di ogni tipo di pietanza, dall’antipasto al dessert.

Di seguito vi sveliamo 5 ricette facili e veloci per secondi piatti al limone strepitosi.

Pollo al limone e uva

Un secondo piatto, o piatto unico, dal sapore decisamente insolito, reso inconfondibile dalla dolcezza dell’uva e dalla naturale gradevole asprezza del limone.

Procuratevi i seguenti ingredienti:

  • 1 Kg. di spezzatino di pollo,
  • 150 grammi di uva (scegliete una qualità senza semi o togliete quelli presenti),
  • 20 grammi di burro,
  • 2 scalogni,
  • 1 limone biologico (non trattato),
  • 2 rametti di rosmarino,
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale e pepe q.b.

Iniziate spremendo completamente il limone, filtrate il succo ed irrorate completamente con esso lo spezzatino di pollo.

Prendete una casseruola da poter mettere in forno, scaldateci dentro un po’ di burro e di olio ed aggiungete la carne.

A fuoco alto fate rosolare la carne rigirandola stando attenti a non bucarla, sfumate con il vino, lasciatelo evaporare e unite i rametti di rosmarino.

Spruzzate sale e pepe secondo il vostro gusto. Mettete in forno caldo a 180°C e fate cuocere per circa 40/45 minuti, finché la carne non apparirà uniformemente dorata in superficie.

Mettete in un’altra padella il burro rimasto e fatelo sciogliere, quindi aggiungete gli scalogni finemente tritati, i chicchi d’uva lavati, asciugati e privati dei semi e lasciate cuocere per 5 minuti a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto.

Sfornate il pollo e adagiatelo su un bel piatto da portata, guarnitelo con il preparato all’uva e versateci sopra, a filo, la salsa di cottura. Servite e gustate

Pollo al limone

Ancora una ricetta a base di pollo semplicissima da realizzare, ma anche sana e gustosa.

Ingredienti:

  • un pollo di circa 1200 grammi,
  • 2 limoni biologici,
  • 40 grammi di burro,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 1 ciuffetto di prezzemolo fresco,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale e pepe q.b.

Passate mezzo limone sulla parte esterna del pollo e mettetene tre o quattro fettine all’interno, aggiungendo la metà del burro (20 grammi) e lo spicchio d’aglio pelato.

Prendete una teglia da forno, metteteci sopra due cucchiai di olio extravergine di oliva e il burro rimasto, fate scaldare ed adagiatevi il pollo, quindi spruzzate sale e pepe e mettete in forno riscaldato a 180°C, lasciando cuocere per un’ora e un quarto circa.

Quando il pollo si trova a metà cottura, spruzzateci sopra l’altro mezzo limone.

A fine cottura estraete il pollo dal forno, tagliatene in quattro parti il dorso e il petto, staccate le ali e le cosce e ricomponetelo sul piatto da portata; prima di servire guarnitelo spolverizzandoci sopra il prezzemolo lavato, asciugato e tritato molto finemente. Servite subito

Scaloppine di tacchino al limone

La carne bianca dovrebbe comparire sulla tavola abbastanza spesso (certamente più di quella rossa!) in quanto nutriente, proteica ma, al tempo stesso, leggera e digeribile; questa ricetta a base di tacchino, resa più fresca dal limone, è adatta a tutti, grandi e piccoli.

Procuratevi:

  • mezzo chilo di fesa di tacchino tagliata a fette sottili,
  • un po’ di farina tipo 00,
  • 2 dl di vino bianco secco,
  • 1 limone ricco di succo possibilmente biologico (non trattato),
  • prezzemolo tritato (un cucchiaio circa),
  • maggiorana tritata (un cucchiaio circa),
  • 1 noce di burro,
  • un pizzico di sale e olio extravergine di oliva q.b.

Create le scaloppine (fettine di carne appena appiattite con il batticarne) rendendo più piccole le fette di fesa, quindi passatele nella farina.

Fate scaldare il burro e 6 cucchiai di olio evo in una padella antiaderente piuttosto ampia e fateci rosolare le scaloppine per qualche minuto, finché la loro superficie non diventerà dorata da una parte e dall’altra.

Toglietele dal fuoco, mettetele da parte e, con un po’ di carta da cucina assorbente, pulite la padella dal grasso di cottura, dopodiché rimetteteci dentro le scaloppine.

Accendete di nuovo il fuoco, bagnate con il vino bianco e con il succo di limone, spruzzate un po’ di sale e lasciate cuocere ancora per qualche minuto a fuoco moderato; il fondo di cottura deve addensarsi.

Spruzzate le erbette aromatiche finemente tritate e fate cuocere rigirando continuamente le scaloppine nella salsa, in modo che prendano sapore. Spegnete e servite calde.

Sgombro al limone

Un secondo di pesce gustoso e leggero il cui sapore è reso più forte e piccante dal peperoncino, che con il limone crea un binomio molto particolare.

Vi servono:

  • 8 sgombri del peso di circa 150 grammi ciascuno,
  • 2 limoni possibilmente non trattati,
  • 2 mele,
  • 1 costa di sedano,
  • qualche foglia di lattuga freschissima,
  • un po’ di peperoncino fresco,
  • sale e pepe q.b.

Pulisci perfettamente i pesci liberandoli delle interiora, lavali, asciugali ed aprili a metà per la pancia. Togli la lisca e tutte le spine che ti è possibile eliminare.

Taglia il limone a fettine abbastanza sottili, libera il peperoncino dai semini interni e riducilo in pezzettini piccoli, quindi riempi l’interno degli sgombri con un mix di pepe, sale, fette di limone e peperoncino.

Con uno spago per alimenti lega bene i pesci e cuocili alla griglia rigirandoli perfettamente sui due lati per una cottura uniforme.

Servi gli sgombri adagiandoli sul piatto da portata insieme ad una fresca insalata di sedano, mela e lattuga. Sul tutto versa una salsetta di olio evo, succo di limone e un pizzico di sale

Alici limone e arance

Un secondo di pesce digeribile e leggero reso sfizioso e fresco dal succo degli agrumi.

Vi occorrono:

  • 600 grammi di alici piccole senza lisca,
  • 4 arance non trattate,
  • 4 limoni non trattati,
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco,
  • olio evo, sale, pepe e peperoncino q.b.

Per prima cosa preparate il pesce: lavate ed asciugate le alici, quindi adagiatele in un contenitore abbastanza largo in un solo strato ed irroratele con il succo di 3 limoni spremuti all’istante. Lasciatele così per almeno un’ora: il succo di limone le “cuocerà” perfettamente.

Dopo la suddetta marinatura, sgocciolate le alici eliminando completamente il liquido scuro venutosi a formare, quindi disponetele a raggiera su un piatto da portata.

A questo punto fate la salsa, facilissima ma molto saporita. All’interno di una ciotola fate emulsionare il succo di 3 arance insieme all’olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale, pepe e peperoncino: è pronta. Versate la salsa sulle alici a filo.

Dall’arancia e dal limone che vi rimangono, tagliate tre fettine per ognuno lasciando anche la buccia e mettetele sulle alici a mo’ di guarnizione; versate sul pesce una pioggia di prezzemolo tritato finissimo, fate riposare per 5/10 minuti, servite e gustate.

Share.

Leave A Reply