Gravidanza, sintomi che le donne sottovalutano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Gravidanza, sintomi che non ti aspetti. Quando pensiamo a questo periodo tanto bello, quanto delicato per ogni donna, siamo soliti immaginare dei segnali che possono indurci a pensare che  le lineette rosa sul test di gravidanza saranno due e non una. Attenzione, però, perché non sono sintomi uguali per tutte le donne. E molto spesso possiamo confonderci con altri disturbi dei quali soffriamo spesso.

Si dice che i sintomi della gravidanza siano molto simili a quelli della sindrome premestruale. Ed è proprio così. Per questo motivo pochissime donne si accorgono subito quando rimangono incinte. Quando si provano quei classici dolori e disturbi del ciclo mestruale in arrivo, si crede subito di non essere state fortunate e che le mestruazioni siano in arrivo. E le donne rimangano senza parole quando queste ritardano e, facendo il test, scoprono piacevolmente (oppure no, dipende dalle situazioni) di aspettare un bambino.

In gravidanza sintomi ce ne sono tanti, ma qui ci soffermeremo solo su quelli che si presentano nelle prime settimane, quando, nella maggior parte dei casi, le donne ancora non sanno di essere in dolce attesa. Se si cerca una gravidanza, è bene prestare attenzione a tutti i segnali che il corpo femminile invia. Alcuni sono decisamente strani e particolari, ma ricondotti allo stato interessante danno modo alla donna di capire perché si presentano già così presto.

Perdite da impianto

O spotting da impianto. Solitamente notiamo delle macchie e delle perdite dopo una settimana circa dal concepimento. Le perdite sono solitamente accompagnate da dolori simili a quelle del ciclo, per questo molte donne sono indotte a pensare che si tratti delle mestruazioni in arrivo. Le macchie di sangue si verificano a causa dell’annidamento dell’ovulo che è stato fecondato nella parete uterina.

Sbalzi d’umore

Le donne già sono abituate a dover fare i conti con gli ormoni che fanno letteralmente impazzire il loro umore. In ogni momento del ciclo mestruale e non solo quando stanno per arrivare le mestruazioni. In gravidanza le cose si fanno più complicate. Ed ecco che tra i primi sintomi si possono notare proprio i forti sbalzi d’umore: le donne possono essere più emotive, senza un apparente motivo razionale, o più irritabili.

Il seno aumenta

All’improvviso e senza una spiegazione che potrebbe apparirci logica. Il seno non solo diventa più pieno, ma è anche più teso e può causare dolore. Stessa sensazione che spesso le donne sperimentano quando il ciclo sta per arrivare. Come al solito è colpa degli ormoni, in particolare del progesterone prodotto dal corpo luteo dopo che la cellula uovo è stata rilasciata. Se questa viene fecondata, la produzione di questo ormone aumenta e quindi si può avere più dolore, il seno appare gonfio e più sensibile.

Nausea al mattino

Sicuramente quando si pensa alla gravidanza e ai disturbi che il pancione che cresce porta con se, le nausee mattutine o ipermesi gravidica, di cui ha sofferto anche Kate Middleton, sono le prime cose a cui si pensa. Se una donna sta cercando di rimanere incinta e sperimenta dopo un paio di settimane dal rapporto non protetto la nausea al mattino, forse qualche dubbio dovrebbe venire. Non tutte le donne ne soffrono e di solito scompare entro il primo trimestre di gravidanza.

Crampi addominali

I crampi all’addome sono un altro sintomo che accomuna arrivo delle mestruazioni e gravidanza. Di solito si verificano nella prima settimana dall’avvenuta fecondazione dell’ovulo, che si sta “adattando” all’ambiente che, se tutto andrà bene, lo ospiterà per 9 mesi. Il dolore può essere lieve o intenso: nel secondo caso è sempre bene rivolgersi al proprio medico per capire se va tutto bene.

Stanchezza e malessere generale

Nel primo mese di gravidanza (e tendenzialmente per tutto il primo trimestre e nelle ultime settimane di gestazione) la donna sperimenta una stanchezza e un malessere generale che la portano a sperimentare anche un’eccessiva sonnolenza. Non capita di rado di addormentarsi ovunque. E questo dovrebbe essere un campanello d’allarme non indifferente da tenere in considerazione. Se non avete altri sintomi e siete solo tanto stanche, forse è bene fare un test di gravidanza.

Minzioni frequenti

Nelle prime settimane di gravidanza (e a dire il vero anche successivamente) la donna sperimenta continui stimoli ad andare in bagno. È un fastidio che non arreca danni o disturbi, ma che può essere decisamente poco piacevole. Soprattutto se la futura mamma è spesso fuori casa o se la minzione diventa più frequente di notte. Durante il terzo trimestre, quando la vescica è messa a dura prova dal pancione e dal neonato che continua a crescere, la situazione sarà ancora più pressante. Se oltre alle frequenti minzioni avete anche dolore nell’atto di urinare o bruciori, meglio chiamare il medico subito.

Mal di testa

Anche un banale mal di testa può essere un sintomo di gravidanza. Di solito è provocato dagli sbalzi ormonali ai quali il nostro corpo deve pian piano adattarsi. Ed è un sintomo che spesso è presente anche nei giorni precedenti al ciclo mestruale.

Maggiore appetito

Le donne in stato interessante nei primi mesi, ma anche successivamente, mangerebbero un bisonte. Soprattutto nelle prime settimane, sempre a causa degli ormoni, si possono sperimentare un aumento dell’appetito e una voglia matta di mangiare dolci o cose poco sane. Sì, le famose voglie cominciano già qui, nei primi giorni di gestazione. Al contrario, c’è chi invece proprio in questo periodo ha cominciato ad non gradire più cibi che invece prima amava.

Intolleranza verso alcuni odori

O profumi, che invece prima erano più tollerati. L’olfatto si fa più sviluppato e anche attento, con odori che prima non davano fastidio e che, all’improvviso, diventano insopportabili. Ed è sempre colpa degli ormoni.

Ogni donna, così come ogni gravidanza, è una storia a se. Ma c’è un sintomo che accomuna tutte le donne incinte: la mancanza del ciclo mestruale. Se ritarda, aspettate qualche giorno e poi o ricorrete a un test di gravidanza fai da te che si compra in farmacia oppure rivolgetevi al vostro ginecologo di fiducia. Le cause potrebbero essere anche altre, ma chissà che non sia proprio il segnale di una cicogna in arrivo.

Foto di Igor Link da Pixabay

Share.

Leave A Reply